Ivan Zini

Blog tecnico di un sistemista bolognese. [senza condivisione la conoscenza è inutile.]

Virtual Infrastructure gratuita con vmware esxi e openfiler

esxi-openfilerClamorosamente quasi un annetto fa vmware rilasciò gratuitamente il suo nuovo hypervisor esxi (qui trovare il datasheet) che permette di mettere in piedi vera e propria una virtual infrastructure accollandovi ovviamente solo il costo dell’hardware.
Occorre controllare che il vostro server sia elencato sulla HCL (hardware compatibility list) di vmware esxi e il gioco è fatto.
Non starò qui a descrivere l’installazione di esxi perché è davvero semplicissima e in rete  si trovano infinite guide a riguardo ben fatte.
In questo post spiegherò come realizzare con vmware esxi, come hypervisor, e openfiler come iscsi san, una eccellente infrastruttura virtuale gratuita.
Diamo per scontato di avere già pronti all’uso un sistema esxi e un sistema openfiler.(vedere i miei post precedenti sull’installazione openfiler).
Configuriamo in primis Openfiler per farlo diventare un “Target iSCSI” a cui successivamente collegheremo vmware esxi.
Step 1 – Network access configuration
Per prima logatevi e andate nel menù System-Network Access Configuration e aggiungete l’indirizzo ip, la netmask del vostro host esxi con l’opzione “share”; in questo modo esxi avrà accesso ad openfiler.
openfiler - network access configuration
Step 2 – Creare un nuovo volume fisico
Ora occorre creare un nuovo volume fisico: per farlo andare nel menù Volumes e selezionare Block devices.
openfiler - volumes block device
Selezionare “Edit disk” nel hard disk in cui si vuole creare il volume fisico, assegnandogli lo spazio desiderato e definendolo come “primario”.
openfiler - edit disk

Dopo aver creato un volume fisico, in cui è stato configurato l’hd in uso e la dimensione, occorre destinarlo ad un “volume group” che va successivamente creato.
Step 3 . Creazione di un nuovo Volume group
Bisogna ora creare un “volume group” che contenga il volume fisico appena creato.
Dal menù “volumes” selezionare “volumes group”  poi “create a new volumes group” e infine una volta aggiunto il nome del gruppo, nel mio caso “storage” su un volume di  720GB, selezionare il volume fisico associato e cliccare su “add volume group” ed ecco il risultato:
openfiler - create volume group

Step 4 – Creazione del volume iSCSI

Selezionare il volume, nel mio caso “storage” e cliccare sul bottone “change” e vi troverete a dover impostare il nome del volume, nel mio caso “sandisk2″, allocare lo spazio disco e (nel mio caso ho utilizzato l’intera capacità del volume) e infine per il tipo di file system scegliere iscsi e cliccare sul tasto “create”. Il risultato sarà come mostrato in figura sotto:
openfiler - create volume

Step 5 – Abilitare il servizio iSCSI Target.
Su openfiler di default il servizio “iscsi target” è disabilitato, occorre quindi abilitarlo per permettere all’host esx/esxi di potersi collegare alla nostra san openfiler.
Andare nel menù “services” e abilitarlo (vedi figura sotto):

openfiler - enable iscsi target

Step 6 – Aggiungere un “Target iSCSI”

Tornare nel menù “volumes” e nel menù di destra cliccare su “iscsi targets” e poi su “Target configuration”; io ho ultizzato il defautl IQN che genera Openfiler dopodichè cliccare sul tasto”Add”.
openfiler - add iscsi

Step 7 – Map the LUN

Lun è l’acronimo di Logical Unit Number e openfiler assegna allo storage iscsi un unità logica univoca che esx possa riconoscere ed aggiungere.
Sezionate nel menù “lun mapping” lo scsi target e cliccate sul tasto “map”:
openfiler  -lun mapping

Step 8 – Permettere l’accesso al “Target iscsi”:

Sempre nello stesso menù cliccare sul tab “Network ACL” e troverete la lista dei vostri host a cui permettere l’accesso al lun iscsi cliccando su “allow” (di default sono “deny”) e successivamente sul tasto “update”.
openfiler - acl

Bene ora abbiamo abilitato i lun iscsi per essere utilizzati come storage dall’host o hosts esxi e abbiamo concluso la configurazione di openfiler!!!

Step 9 -  Configurare iSCSI inVmware esxi
Occore adesso aggiungere in vmware esxi un nuovo virtual switch dedicato al traffico iscsi, quindi aprite il VMware Virtual Infrastructure Client del vostro esxi e selezionate il tab “configuration” (1)  poi in “networking” (2) e cliccare su “add Networking” (3) e nella finestra che vi si presenta selezionare come tipo di connessione “VMkernel” (4) per aggiungere uno virtual switch da utilizzare per il traffico iscsi. Infine cliccare su next (5).
vmware - vkernel

Ora date un nome al vostro virtual switch iscsi e un indirizzo ip e scegliere se utilizzare uno nuovo vswitch o agganciarsi ad uno esistente (l’ideale sarebbe creare una vlan su uno switch fisico dedicata solo al traffico iscsi a cui collegare lo switch virtuale tramite scheda di rete fisica dell’host).
vmware - vswitch

Ecco il risultato ottenuto:
vmware - networking
Adesso occorre configurare il virtual switch iscsi per aggiungere la connessione LUN ad openfiler, quindi sempre dal menù” configuration” selezionare la voce del menù a sinistra nominata “storage adapter” e selezionare il vostro iscsi adapter e cliccate su “properties”.
vmware - iscsi setup

vmware - prop

Di default la connessione iscsi è disabilitata quindi occorre abilitarla cliccando sul tasto “configure” e spuntando il flag “enable”.

vmware - iscsi enable

Vedrete ora popolarsi i parametri dell’iscsi come da figura sotto:

vmware - iscsi pop

Successivamente bisogna aggiungere l’indirizzo ip della san openfiler.
Dal tab “Dynamic discover” poi su “add” e infine aggiungere l’ip dell’iscsi server.

vmware - add ip

Infine vi verrà richiesto una scansione degli storage adapters in modo da aggiungere il nuovo storage iscsi.

vmware - yes!

La procedura è terminata ora troverete lo storage iscsi aggiunto nella lista dei datastore.

vmware - iscsi end

Bene abbiamo appena ottenuto una Virtual Infrasctructure gratuita e di livello enterprise!!!!
Ora potete creare le vostre macchine virtuali salvandole sullo storage iscsi, fornito dall’ottimo openfiler, e se aggiungete alla virtual infrasctructure un altro host esxi potete condividere lo storage iscsi e implementare una struttura in alta affidabilità.

bye :)

About these ads

25 risposte a “Virtual Infrastructure gratuita con vmware esxi e openfiler

  1. lucap 01/09/2009 alle 23:29

    Sto facendo un pò di test in ambiente esxi. Ora sto affrontando il discorso vmware/openfiler/san.
    Sono riuscito a creare la struttura, due server esxi, un server openfiler con iscsi attivo.
    Ho creato le mie macchinie virtuali, con discrete prestazioni.
    I due esxi sono configurati esclusivamente per un discorso di fault tollerant, così come un eventuale doppio switch e doppie nic.
    Resta unico punto di fail over il server con openfiler. Chiaramente avrà uno storage in raid per ridondanza, doppie nic, doppio alimentatore… ma per quanto riguarda la mother board?
    Guasta questa… tutte le macchine sono ko….
    Grazie e scusa per l’eventuale banalità del post.

    • Ivan Zini 02/09/2009 alle 09:32

      Ciao Luca,
      bhè il tuo post non è affatto banale anzi si riconduce al discorso della ridondanza come hai fatto per i 2 server esxi.
      Purtroppo l’hardware è un punto debole e lo stato dell’arte sarebbe avere a disposizione un’altra san openfiler con cui realizzare un Distributed Replicated Block Device (DRBD) con un altro Openfiler per backup e Alta Disponibilità dei dati (HA) creando un fault-tolerant data-storage cluster.
      Consulta i link alla fine del 3° post su openfiler sul DRBD potranno sicuramente essere utili.

      Un’altra soluzione, senza doppia san, sarebbe fare delle copie di backup delle VM sullo storage locale degli esxi ma questo comporta uno storage locale di dimensioni adatte a questo scopo e fare spesso il backup delle VM a cui chiaramente affiancare anche un backup dei dati per il ripristino.

      Ciao e grazie del tuo commento!
      IZ

  2. Pingback:Network Lab » Virtual Infrastructure gratuita con vmware esxi e openfiler

  3. Federico Bessone 05/02/2010 alle 16:42

    Intanto grazie a Luca per aver pubblicato questo interessante articolo.
    Io sto ancora usando un server (quad core, 8 giga ram, dischi sas in raid 50 hw) con ubuntu+vmware server 2.0

    Le prestazioni I/O sono quasi penose :)

    Oltre a prendere in considerazioni SAN di produttori quali Fujitsu o netAPP eccetare, volevo indagare su OpenFiler.
    Secondo la tua esperienza personale le prestazioni I/O Iscsi su Openfiler + ESX sono di molto migliori delle prestazioni ottenibili da una configurazione VMware server 2.0 che usa i dischi direttamente sulla macchina?

    • Ivan Zini 05/02/2010 alle 18:11

      Ciao

      |Intanto grazie a Luca(????????) per aver pubblicato questo interessante articolo.

      Vmware server e esx sono 2 prodotti diversi e 2 filosofie di virtualizzazione differenti.
      Sicuramente utilizzando esx/esxi + openfiler come san iscsi le prestazioni sono molto migliori di vmware server con storage locale.
      In sostanza con esx non necessiti di un sistema operativo che si occupi di gestire anche VMWare Server.
      Esx possiede un suo sistema operativo basato su un kernel, chiamato VMKernel, derivato da Red Hat, che permette di ottenere performance doppie/triple rispetto a VMWare Server.
      Necessita però di hardware certificato presente nella vmware esx HCL.
      IZ

      • Federico Bessone 08/02/2010 alle 18:33

        Ciao,
        |Intanto grazie a Luca(????????) per aver pubblicato questo interessante articolo.

        Emh … ti chiedo scusa, a volte ho il cervello un pò ammanettato.
        Grazie molte per la risposta. In effetti avevo l’idea, quindi errata, che i dischi sul controller della macchina dessero prestazioni più alte di un target ICSCI su uno storage di rete. In effetti avevo iniziato a nutrire dei dubbi, vedendo il server azzoppato dall’accesso ai dischi :)

        Dalla tua esperienza personale, con che hardware realizzeresti un OF a questo scopo? Io normalmente uso controller adaptec con dischi sas in raid5/raid6 10.000 giri per lo storage con di solito 4 giga di ram.

        Grazie ancora per la risposta e scusa per l’attribuzione errata del nome.
        Federico

        • Ivan Zini 08/02/2010 alle 19:11

          Ciao Federico di niente ;)
          Openfiler non richiede hardware con prestazioni elevate.
          Va benissimo il tuo controller con dischi a 10.000 e bastano 2G di Ram e un processore meglio se 64Bit e 2 schede di rete in Gigabit
          Come marca dipende dall’utilizzo che ne fai : io in ambiente di produzione e presso i clienti vado sicuro con Dell/HP (con relative garanzie del produttore), se invece lo utilizzi per test o casa possono andar bene anche assemblati.
          Controlla cmq la HCL sul sito openfiler.
          IZ

  4. Marco Brambilla 27/02/2010 alle 16:20

    Bellissima spiegazione e funzionante. Infatti ho realizzato, con qualche difficoltà la tua struttura, ma adesso è tutto in piedi.
    Vorrei porti questo quesito. Devo salvare i dati (e non le vmmachine perchè in questo caso uso VM Explorer sempre come da te indicato nel blog) dei server (file system, documenti di office, database sql) su un altro pc (le copie non sono mai abbastanza) e non vorrei passare dalla rete dei client ma sfruttare l’ISCSI che ho creato con openfile. Esiste qualche soluzione software per risolvere il problema ?
    Grazie Marco

    • Ivan Zini 02/03/2010 alle 11:30

      Ciao Marco
      lieto che le miei istruzioni ti siano state utili :)
      per fare il backup sul volume iscsi potresti utilizzare sulle tue macchine windows il microsoft iscsi initiator lo trovi qui e collegare il volume di openfiler.
      Dopodiché lo aggiungi come volume fisico dal menù “gestione disco” di windows e con un software di backup effettui la copia su quel volume aggiunto che in realtà è un volume iscsi.
      Tutto questo ha senso farlo se hai una rete a Gigabit.

      IZ

  5. Roberto 06/04/2010 alle 12:47

    Ciao Ivan,
    principalmente compplimenti per il blog molto interessante e chiaro
    ho configurato openfiler in Iscsi per creare una san in ambiente WMvare ma credo mi manchi qualcosa in quanto quando faccio un rescan degli hba wmvare non trova nessun dispositivo, credendo fosse un problema di configurazione di wmvare ho provato a installare iscsi su win7 ma anche in questo caso nulla. Su openfiler ho già abilitato il servizio Iscsi, la rete di appartenenza del server e configurata la ACL list.
    Ti chiedevo se hai qualche idea per aiutarmi
    Grazie Roberto

    • Ivan Zini 08/04/2010 alle 10:49

      Ciao Roberto
      grazie dei complimenti!
      strano che non veda i lun di openfiler!
      Ricontrolla se hai effettuato i passaggi dal 5 all’8 del mio post.
      Fammi sapere :)
      IZ

    • Roberto 11/05/2010 alle 08:19

      Ciao Ivan
      perdonami se non ti ho più risposto ma nel frattempo ho risolto non mi sono accorto di avere utilizzato
      un indirizzo sbagliato.
      appena modificato tutto si è risolto devo dire che è veramente un bel prodotto
      Grazie per l’aiuto

  6. Enzo Paolo 21/04/2010 alle 21:47

    Ciao,
    cercando di configurare il nuovo virtual switch per l’iscsi, mi è successo che il virtual switch nuovo, si è preso le due schede di rete che servivano allo switch di produzione e mi si è bloccata tutta la struttura… come posso risolvere? H E L P !!!

  7. Luca 10/05/2010 alle 17:12

    Salve a tutti ,

    Esordisco ringraziando dell’ottima guida ,anche se non ho capito come nel network access configuration ti accessi la classe 255.255.255.0 anziche 255.255.255.255 .
    Comunque volevo riassumere quello che tentato di fare ….

    Ho installato su 2 server dell r710 esxi ,poi li ho licenziati con il bundle essential per poterli gestire tramite un unica console e avere qualche feature in più.
    Poi ho installato openfiler in un altro server dell …

    ho collegato il tutto utilizzando tutti i collegamenti in modalita 802.3ad tramite uno switch cisco.Cioe 4 schede giga per ogni esxi e 2 per openfiler.Sugli esxi ho usato 2 schede in teaming per openfiler e due per la rete aziendale.

    Risultato finale non vedo openfiler ,anzi l’ho visto solo una volta e poi +.

    Qualche consiglio !!!

    • Ivan Zini 12/05/2010 alle 09:12

      Ciao Luca
      ti segnalo questo link che riguarda il settaggio del collegamento iscsi in bonding tra openfiler e esxi:
      http://vuemuer.pmiservice.biz/?p=1121#comments

      PS: ( i commenti degli utenti non sono automaticamente inseriti nel blog…vengono prima approvati da me nel tempo a disposizione)
      Ciao
      IZ

    • Paolo 12/05/2010 alle 09:41

      Ciao Luca… io ho configurato una struttura simile alla tua in una lan aziendale, e non avevo l’accesso ad openfiler perchè bisognava inserire l’indirizzo di classe 192 nelle eccezioni del browser (OPZIONI INTERNET, CONNESSIONI, IMPOSTAZIONI LAN, AVANZATE, ECCEZIONI)ed ovviamente la scheda di rete aveva come indirizzo ip secondario un ip della classe 192… ciao

  8. Roberto 05/01/2011 alle 19:52

    Ciao Ivan,
    inanzitutto auguri a tutti spero che il nuovo anno sia iniziato nel migliore dei modi, ma passiamo al problema
    ti risultano problemi con la versione di esx4.1 e openfiler 2.3. la domanda nasce dal momento che non riesco
    a fare vedere le lun, tieni presente che ho un’infrastruttura parallela con le versione 4.0 che funziona.
    grazie in anticipo

    • Ivan Zini 06/01/2011 alle 20:56

      Ciao Roberto
      auguri anche a te!
      Anche io ho in parallelo host esxi 4.0 e host esxi 4.1 e non ho nessun problema ad agganciare le lun di openfiler.
      Parlo sempre di esxi e non esx.
      IZ

  9. Denis 13/04/2011 alle 15:10

    Ciao Ivan,
    Ho messo in piedi ESXi 4.1 poi openfiler e con lo script ghettoVCB mi creo le mie copie di backup delle macchine virtuali.
    Domandona…
    ma se io voglio poi copiarmi tutte le macchine da openfiler su un hd come “monto” iSCSI per esempio con WinSCP?
    Nel senso da openfiler vedo che il mio volume che dedico all’iSCSI sta in /dev/sda e la partizione dedicata è /dev/sda4

    Non riesco a trovare il percorso dove stanno le copie delle macchine virtuali che ho riversato con ghetto.

    Grazie
    Denis

    • Ivan Zini 14/04/2011 alle 23:34

      Ciao Denis,
      Se non ho capito male tramite ghettoVCB fai le copie delle vm dallo storage locale di un host esxi ad openfiler collegato tramite iscsi.
      Collegati tramite WinSCP al tuo host esxi e raggiungi la directory /vmfs/volumes/ dove troverai il nome dello storage che hai dato al volume aggiunto da openfiler.
      Dopodichè puoi copiarti le copie delle tue vm su un qaulunque volume collegato al tuo pc.
      IZ

  10. Antonio 29/12/2011 alle 13:55

    Ciao Ivan,
    complimenti per il sito.
    Ho un dubbio che spero tutto posso risolvere.
    Ho due server con esxi 4.1 con due dischi ciascuno, uno per il sistema (più altri file di supporto) e l’ altro per le macchine virtuali. Di queste macchine faccio dei backup su un server Win 2008 usando VMExplorer. Essendo dei server assemblati, a basso costo, non hanno il raid dei dischi ed hanno una sola nic. Finora non ho mai avuto problemi di performance o di altra natura ma vorrei rendere più stabile la struttura inserendo un nuovo server esxi 3.5 (vecchio server da convertire non compatibile con esxi4/5) e spostare tutte le macchine su openfiler.
    Il mio dubbio è per la rete: per collegare i server esxi con openfiler devo creare un’ altra rete logica o posso poggiarmi alla mia rete? Mi spiego meglio la mia rete ha la classe 172.16.xxx.xxx posso far comunicare gli esxi con openfiler sulla stessa rete?
    Ora tutti i server sono collegati allo switch del centro stella se collego anche openfiler potrò avere problemi di traffico o di altra natura?

    Grazie

    • Ivan Zini 01/01/2012 alle 13:26

      Ciao Antonio,

      se intendi utilizzare le macchine virtuali tramite connessione iscsi con openfiler ti consiglio di utilizzare una rete dedicata con almeno 2 schede di rete in teaming su esxi e 2 nic in bonding su openfiler con uno switch dedicato in gigabit.
      In questo modo il traffico iscsi rimane separato e la tua rete 172.16.xxx.xxx puoi utilizzarla per il traffico dati delle macchine virtuali, senza quindi compromettere le prestazioni della rete.

      IZ

  11. Francesco 20/02/2012 alle 13:11

    ciao Ivan,

    complimenti, per le spiegazioni sempre chiare e dirette. La mia domanda nascie dal fatto che vorrei realizzare in un’azienda un sistema formato da due host ibm xseries 3550, 16 Gb di ram ciascuno, due schede di rete ciascuno da 1 Gbit e acquistare uno storage sempre ibm ds3500 per allocalare fisicamente il server virtualizzato, usando come s.o Openfiler. Tu per creare un buon collegamento fra due host ibm e lo storage cosa faresti? Usando il protocollo iscsi? Ti voglio indicare che userò la versione esx essenzial+ come s.o.
    Altra domanda vorrei effettuare i backup con veeam backup & replication v6 standard, secondo te dovrei acquistare un altro server semmai con windows server 2008 standard edition oppure creare un’altro server virtuale sempre con windows server 2008 standard? Il server di cui fare il backup è un vindows 2003 con un database mysql attualemte virtualizzato pesa circa 90gb.
    Spero di averti dato tutti i dati per potermi rispondere.

    grazie Ivan a presto

    Francesco

  12. Ivan Zini 01/03/2012 alle 22:28

    Ciao Francesco,

    .chiaramente se i tuoi server e storage non sono dotati di scheda in fibra con switch ridondati etc.,,la cosa più logica è utilizzare il protocollo iScsi.

    .Accertati bene che la componentistica dello storage sia compatibile con HCL di openfiler.

    .Considera anche questo: se la tua vm con veeam è sull’host esxi che va in failure ?forse è il caso di prendere in considerazione una macchina fisica così è indipendente dall’infrastruttura virtuale.

    .verifica I/O del db mysql per decidere se utilizzare storage locale o di rete.

    IZ

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 162 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: