Aggregare più schede di rete in Openfiler: Bonded Interface

Postato il Aggiornato il

Prendo spunto per questo post da una email arrivatami qualche giorno fa da un “concittadino”🙂 che vorrei approfondire qui perché è un argomento interessante e fondamentale se openfiler viene utilizzato come san iscsi in alta affidabilità.
La domanda posta nella mail era:

Ho una scheda madre Supermicro con 2 porte giga ethernet.
E’ possibile utilizzarle entrambe aggregando la banda di trasferimento?”

Openfiler permette questa “aggregazione” di schede di rete in unità di schede logiche grazie ad una funzione del kernel chiamata channel bonding che permette a due o più interfacce di agire come se fossero una unica interfaccia non solo per incrementare la banda di trasferimento ma anche per creare ridondanze per alta affidabilità e bilanciamenti di carico.
Questa modalità prende il nome di Bonded Interface oppure Nic Team.
Ecco un breve schema di bonding inteface:

L’ideale sarebbe disporre di 4 schede di rete Gigabit per creare  2 schede in bonding e dedicarne una al traffico di rete iscsi o altro e l’altra per il management di openfiler.
Per creare una bonded interface  occorre andare nel menu “System” alla voce “Network Interface configuration” e cliccare su “Create bonded interface”.

Dopodiché occorre selezionare le interfacce che si vogliono includere nel bonding e cliccare su continua.


Attenzione al warning della figura sopra che invita a configurare il bonding solo se si ha accesso diretto alla console di openfiler perchè se l’operazione dovesse fallire via rete non è più possibile collegarsi.
Ora occorre  configurare la nuova interfaccia di rete.

Oltre all’inserimento dell’indirizzo ip e della relativa subnet mask è possibile selezionare la modalità di bonding.
Di default è già impostata la modalità Balance rr (Round robin policy).
Questa modalità offre bilanciamento di carico e fault tolerance in quanto i pacchetti vengono trasmessi in sequenza dalla prima all’ultima interfaccia disponibile del bonding.
Altra modalità interessante è l’Active backup ovvero solo un’interfaccia è attiva nel bonding. Le altre interfacce vengono abilitate solo se quella attiva si guasta.
Altre modalità disponibili sono:
Balance-XOR
Broadcast
Balance-tlb
Balance-alb
Una volta configurati i parametri di rete, la modalità di bonding e l’interfaccia primaria cliccare su avanti per terminare la procedura.
Ora occorre attendere e verificare da console sul terminale utilizzando il comando ifconfig che la nuova interfaccia bond0 esista e abbia l’indirizzo ip configurato.
Verificato ciò puntate  il browser al nuovo ip e ci si collegherà alla pagina di management di openfiler.
Tornando nella pagina “System” troverete la configurazione dell’interfaccia bonded.

Un’altra dimostrazione della semplicità e potenza dell’ottimo Openfiler.

IZ

6 pensieri riguardo “Aggregare più schede di rete in Openfiler: Bonded Interface

    Paolo ha detto:
    22/12/2009 alle 10:35

    Ciao, ma la modalità XOR che cosa fa? Equivale per caso alla round robin policy?

      Ivan Zini ha risposto:
      22/12/2009 alle 11:07

      Ciao Paolo
      La modalità XOR è simile alla robin policy in quanto garantisce anch’essa fault tolerance e bilanciamento di carico.
      La sua potenzialità è di limitare il traffico, il flusso di una comunicazione sarà trasmesso dall’inizio alla fine dalla stessa interfaccia.
      Questa modalità’ usa un algoritmo basato sull’ XOR logico tra MAC address di destinazione e quello sorgente e assegna a tutte le interfacce fisiche lo stesso MAC Address.
      La scelta dell’interfaccia da controllare dipende dall’esito di un’operazione di exclusive or. (XOR)
      Cosi come per il balance-rr le porte dello switch devono essere configurate come “etherchannel” or “trunking.”

      Ciao
      IZ

    Luca ha detto:
    11/05/2010 alle 09:46

    salve a tutti ,

    una curiosità ,se io dovessi collegare direttamente openfiler all esxi tramite due patch senza passare dallo switch !!!

      Ivan Zini ha risposto:
      12/05/2010 alle 11:19

      Ciao Luca
      non mi sembra una soluzione percorribile sotto diversi aspetti di connettività e di fault tolerance.
      Ti consiglio vivamente di utilizzare uno switch Gigabit e di verificare che lo switch che utilizzerai supporta la link aggregation (protocollo 802.3ad).
      IZ

    Gianfranco ha detto:
    25/06/2010 alle 11:18

    Buongiorno,
    complimenti per il blog.
    Ho installato Openfiler su una macchina con 4 schede di rete e Vmware esx4.0 su un HP G6 con 4 schede di rete a 1000 Mbit.
    1 scheda per macchina è adibita al management su rete 192.168.1.x mentre altre 2 schede di rete sono collegate a switch TPLINK 2109WEB configurato su rete 10.0.0.x
    Ho creato un bond0 (eth1+eth2) con ip 10.0.0.2 e su vmware un bond con IP 10.0.0.3. Per testare il tutto ho collegato un pc con ip 10.0.0.9 allo switch, ma non raggiungo la macchina openfiler, mentre pingo la scheda su Vmware. Da cosa può dipendere?
    Grazie per la collaborazione
    Gianfranco

      Ivan Zini ha risposto:
      28/06/2010 alle 15:01

      Ciao Gianfranco
      Hai controllato su openfiler che la lan 10.0.0.x (menu Network access configuration) abbia il permesso di accesso ad openfiler stesso?
      IZ

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...